Tofu strapazzato e basmati integrale

image

Per questa edizione dell’ Independence Day, vi lascio solo la colazione, che trovate qui e la cena, qui sotto. A pranzo siamo stati ospiti di mia suocera. Non ho pensato a fare delle foto perché avrei benissimo potuto mettere anche le sue ricette: zucchine agrodolci, melanzane  in insalata, melone a fette e pasta di grano saraceno con crema di zucchine al curry. Tutto dell’orto tranne il melone e tutto cucinato nel modo semplice e leggero che ci piace di più…

imageQuesta è una delle prime ricette che ho imparato per cucinare il tofu e devo dire che è sempre un successo perché si riesce ad insaporirlo per bene e la consistenza è molto piacevole. La preparazione come al solito è molto semplice e veloce. Mentre cuoceva il riso ho preparato il tofu e ho anche apparecchiato il tavolo per la cena, in 25 minuti tutto era in tavola.

Ingredienti per 3 persone

180 gr di riso basmati integrale- 250/300 gr di tofu al naturale, il mio era autoprodotto- 2 zucchine e 2 carote medie- 1 manciata abbondante di semi di zucca- 1 manciata di prezzemolo- 2 cucchiai di amari, facoltativo.

Il riso basmati cuoce in 20 minuti. Dopo averlo sciacquato sotto l’acqua metterlo in una pentola con 1/2 litro di acqua leggermente salata e portare a bollore, quindi abbassare la fiamma coprire con un coperchio e lasciare sobbollire per 20 minuti senza mescolare. Spegnere il fuoco e lasciare riposare ancora 5 minuti.

Nel frattempo tagliare a cubetti piccoli le carote e farle cuocere in padella con un filo d’olio e un pizzico di sale per 5 minuti a fuoco medio, aggiungere poi le zucchine tagliate allo stesso modo, ancora un pizzico di sale e cuocere altri 5 minuti. Aggiungere 1 tazzina di acqua se necessario. Le mie verdure erano cotte, ma consistenti, voi regolatevi secondo il vostro gusto. A questo punto aggiungere il tofu sbriciolato e far insaporire ancora qualche minuto, aggiungendo il tamari oppure del sale e poi i semi di zucca tostati  in padella per 2 minuti mescolando continuamente.

Impiattare il tofu con il riso semplicemente condito con dell’olio extra vergine di oliva e del prezzemolo tritato

image

 

 

Tarte Tatin arcobaleno

Wow più di un mese dall’ultimo post….. E nel frattempo c’è anche stato il compleanno del blog e anche il mio 😊  Auguri auguri auguri!!!!

Avevo e ho tuttora in mente una sorpresa per il compleanno del blog, ma non ho calcolato bene i tempi di preparazione e quindi anche se ci sto provando e riprovando da più di un mese non sono ancora giunta ad una soluzione che mi soddisfi perciò ci vorrà ancora un po’ di pazienza… E di prove …. Non sarà per il compleanno del blog e forse neppure per il primo giorno di primavera, ma ormai sono lanciata in quella direzione e qualche novità arriverà…

Per ora vi lascio questa deliziosa torta salata senza glutine che ho improvvisato ieri sera e che è riuscita alla perfezione… Bella e buona…Buon appetito!image

Ingredienti per la base

100 gr di farina di riso integrale, 50 gr di farina di quinoa, 30 gr di farina di mais integrale, 20 gr di farina di semi di lino, 1/2 bustina (9 gr) di lievito per torte salate, 1 C di olio extra vergine d’oliva, circa 120 ml di acqua, una presa di sale

Per la farcitura

1 carota medio grande, 1/2 radicchio tondo piccolino, 1/2 cespo di belga,  1/2 porro piccolino, 1/4 di finocchio

Su una spianatoia oppure in una ciotola riunire tutte le farine il sale e il lievito, mescolare bene e poi aggiungere l’olio e l’acqua poca alla volta. Impastare per bene fino ad ottenere un’impasto liscio ed omogeneo. Formare una palla e lasciare riposare mentre preparate la farcitura.

In frigo avevo un po’ di avanzi di verdura cruda, le ho affettate finemente e poi tritate molto grossolanamente. Le ho condite con olio e sale, ho aggiunto una manciata di semi di girasole e ho mescolato per bene. Ho foderato una tortiera con carta da forno bagnata e strizzata e ho versato tutto dentro, lasciando liberi un paio di cm dal bordo.imageA questo punto riprendete l’impasto e stendetelo allo spessore di 1/2 cm circa. Potete stenderlo tra due fogli di carta da forno per evitare che si attacchi al piano di lavoro, quest’accortezza di solito è d’obbligo con gli impasti senza glutine perchè tendono a rompersi e ad appiccicarsi, ma in questo caso, l’impasto era molto buono e sono riuscita a stenderlo bene anche senza carta. Coprite la verdura con l’impasto steso cercando di girarlo sotto le verdure o almeno fatelo stare nello spazio tra il bordo e le verdure  ottenendo così una tarte  Tatin o torta rovesciata… in questa fase la pasta tende un pochino a rompersi quindi fate un po’ di attenzione…. infornare a 180 gradi per 30/35 minuti. sfornate la torta, rovesciatela su un piatto da portata e servitela subito… Deliziosa!!!imageimage

Independence day d’autunno

image
L’independence day autunnale è passato e qui vi lascio il mio resoconto. Mi sono divertita tanto a partecipare e ne sono davvero tanto orgogliosa perchè escludendo il riso integrale, il latte vegetale, i semi di zucca e lo zucchero mascobado, ho usato solo ingredienti provenienti dal nostro orto/frutteto… Evviva!!!
image
Ecco cosa ho preparato:

Per la colazione io e Cristiano abbiamo preparato dei tortini di mandorle e carote golosissimi velocissimi e senza glutine
image

Per 6 monodose
120 gr mandorle tritate
60 gr di farina di riso
2 carote grattugiate (75 gr.)
70 gr di zucchero mascobado
1/2 bustina di lievito
40 gr olio di semi
150 gr di latte di riso

Mischiare in una ciotola gli ingredienti secchi comprese le carote e in un’altra i liquidi miscelati brevemente con una frusta o una forchetta.
Versare i liquidi sugli ingredienti secchi, mescolare bene e mettere negli stampini unti.
Infornare a 180 gradi per 45 minuti, lasciarli ancora 10/15 minuti nel forno spento con lo sportello un pò aperto e poi lasciare raffreddare fuori dal forno.
Veramente una ricetta riuscita e un’ottima colazione accompagnata da una tazza di te verde.
image
Per il pranzo abbiamo mangiato un’insalata di cavolo nero e un risotto integrale al radicchio mantecato alla crema di fagioli bianchi
image
Per l’insalata, ho usato le foglie più interne e tenere di un cespo di cavolo nero affettate molto sottili. Ho aggiunto mezza pera, chicchi di melograno semi di zucca, olio evo e sale… Deliziosamente agrodolce…
image

Per il risotto ho usato un riso baldo integrale biodinamico prodotto dalle “Cascine Orsine”,a qualche decina di chilometri da qui. Per me, il migliore.
image
Per 4 persone
250 gr di riso
100 gr di fagioli cannellini secchi
1/4 cespo di radicchio
1/2 cipolla rossa piccola
2 manciate di mandorle ridotte a granella e tostate

Cuocere i fagioli in circa 1/2 l di acqua finchè non siano ben teneri e poi frullarli con poca acqua di cottura cosi da ottenere una crema, molto morbida con cui mantecherete il risotto.
Nell’acqua di cottura avanzata cuocere il riso integrale. Io l’ho cotto in pentola a pressione per 25 minuti,usando per 250 gr di riso, 650 gr di liquido,(in parte acqua e in parte l’acqua di cottura dei fagioli).
Nel frattempo ho stufato per circa 20 minuti il radicchio tagliato sottile con la cipolla aggiungendo poca acqua per volta per non farlo bruciare, ho regolato di sale e ho tenuto da parte.
Quando tutto è cotto semplicemente unire nella padella del radicchio, il riso e amalgamare bene, mantecare con la crema di fagioli e finire con la granella di mandorle tostata…
Delizioso e nutriente…

Con la ricetta dei tortini e quella del risotto partecipo anche alla raccolta di Daria, integralmente
image

Per ora mi fermo qui, ma in arrivo una crema di cachi e mele, spuntino pomeridiano e le polpette di ceci con onda latina e verdure arrosto che abbiamo mangiato per cena… A prestissimo